La Comune si racconta…

Lettere aperte della Comune Urupia

In questa pagina sono raccolti in forma testuale e in formato pdf scaricabile le lettere e i bollettini, strumenti, fra gli altri, con i quali la Comune si è raccontata tra il 1994 – 2006. Non sono stati gli unici scritti che il gruppo, o una parte di esso, ha prodotto in quel periodo, ma quelli qui raccolti avevano l’obbiettivo di narrare il percorso generale intrapreso dalla Comune, le novità, i cambiamenti. Inizialmente venivano battuti a macchina e distribuiti a mano o spediti per posta a sostenitrici e sostenitori. Ora abbiamo un sito internet e una nutrita newsletter con cui probabilmente riusciamo a raggiungere molte più persone, anche molto distanti geograficamente.

Nel periodo successivo al 2006, in cui pare che la Comune abbia rallentato la propria narrazione verso l’esterno, ogni anno è arrivato puntuale l’Info-oli, la lettera di aggiornamento sulla campagna olearia di quell’anno, e diversi articoli sulla scuola libertaria sono stati pubblicati su alcune testate legate al movimento autogestionario. Anche oggi, spesso, non manca di trovare la Comune raccontata o citata su articoli o libri. Ma questi sono altri capitoli della nostra storia…

In conclusione, abbiamo pensato che potesse essere un “contributo al dibattito” o in qualche maniera un arrichimento, quanto meno dal punto di vista documentario, ri-condividere con il resto del mondo questo piccolo archivio. Buona lettura!


1994 – Lettera aperta della Comune Urupia

Ciao,

descrivere il progetto Urupia in poche righe non è facile, ma possiamo tentare; di certo il “sogno” che sta nel cuore di ognuno di noi, quello poi te lo racconteremo in una sera d’estate, con un bicchiere di rosso davanti. (continua a leggere)


1996 – Lettera aperta di Urupia

Il primo maggio Urupia ha compiuto un anno.

A S.Marzano, il paese più vicino alla masseria, ci guardano ancora come personaggi molto strani che sembrano tutti componenti di una incredibile grande famiglia.

Il primo maggio del ’95, dopo più di tre anni di ricerche, discussioni, elaborazioni teoriche, amori e disamori, i primi sei componenti del gruppo abbandonarono definitivamente le loro case, il loro lavoro e le loro piccole sicurezze per iniziare a popolare questa terra di URI. Nello spazio di due mesi la masseria ha accolto altri sei comunardi e comunarde, fino al completamento del primo nucleo stabile. (continua a leggere)


1999 – Le mucche, i soldi e  l’arte del sopravivvere

Sarà un anno di forte impegno il prossimo; ci auguriamo anche di crescita, come questo che ancora viviamo.

Come sempre, vi è vivacità intorno al lavoro: si costruiscono le relazioni, si manifestano le diversità; ogni tanto ci si assenta, ma si sfacchina. Ed il lavoro, quando è vissuto con intensità e partecipazione, delle soddisfazioni le da. E queste possono anche diventare esaustive. “Il gioco si fa lavoro, il lavoro si fa gioco”. Si può giocare, per esempio, quando arrivano due mucche e una vitella, la Bruna, la Bionda e Lina; anche con loro se gli va… (continua a leggere)


2000 – Le braccia rubate all’agricoltura

Negli anni scorsi, la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, ci vedevamo impegnate a redigere l’annuale Lettera aperta di Urupia. L’esperienza ripetuta dello stress, derivante dall’accavallarsi di questo nostro impegno fisso con le due campagne di raccolta più grosse della nostra economia (vendemmia e raccolta olive), ci ha indotto a spostare questo appuntamento a tempi in cui l’impegno può essere più serenamente gestito, cioè fine inverno – inizio primavera, quando si spera siano meno presenti le richieste agricole. Lo stress, ci teniamo a chiarire, deriva non tanto dalla mancanza di tempo a redigere materialmente gli articoli, quanto piuttosto dall’impossibilità di trovare una serenità che formulasse la discussione interna sugli scritti secondo i ritmi che ci contraddistinguono: il ‘prodotto’ finale risultava agli occhi dei più alquanto raffazzonato e non sempre rispecchiava il pieno consenso di tutte e comunarde, nascondendo più di qualche insoddisfazione. (continua a leggere)


2003 – Prospettive  e produzioni

Queste poche pagine sono state pensate per specificare meglio le nostre attività e i nstri prodotti, senza avere la pretesa di essere esaustive.Il circuito dei sostenitori di Urupia si è notevolmente ampliato negli ultimi anni, sia grazie al tempo speso per farci conoscere come progetto politico, sia per una sempre più diffusa necessità – da parte di molti – di uscire dal ruolo di consumatore come utente passivo, riprendendosi invece il ruolo di copratogonista assieme al produttore, senza bisogno di intermediari. (continua a leggere)


2005 – Di tutto un pò

E’ ormai parecchio tempo che Urupia non presenta dettagliate notizie sulla propria evoluzione: l’ultimo bollettino diffuso risale al settembre 2002. Questa nostra mancanza ci lascia una certa insoddisfazione e sappiamo che anche per tanti sostenitori e sostenitrici che ci hanno finora accompagnate è un vuoto da colmare. (continua a leggere)


2006 – Alla salute

Eccoci qui, ci ritroviamo dopo un anno ad aggiornarci sugli sviluppi del progetto Urupia. Protagonista del nostro ultimo resoconto – marzo 2005 – era stato il racconto di come nel corso degli ultimi anni, le nostre energie si fossero concentrate sul recupero e lo sviluppo di spazi destinati a usi sociali e lavorativi, nonchè all’ampliamento e alla valorizzazione dei terreni agricoli della comune. (continua a leggere)


2008 – Lettera aperta

Riprendere le fila con un documento di aggiornamento, lasciando passare a volte anche anni tra una pubblicazione e l’altra, significa quasi incominciare da zero… Con queste poche pagine tenteremo quindi di ripercorrere gli sviluppi e gli eventi che vedono protagonista la comune Urupia. (continua a leggere)

 

Annunci